Home page

lunedì 15 luglio 2019

IL LEGAME DI EPSTEIN COL MOSSAD

Epstein, fu detto al procuratore Acosta,  va lasciato in pace perché  “appartiene all’intelligence”. Adesso diventa sempre più chiaro che “L’intelligence”  che lui serviva (senza escludere  CIA e FBI ) era quella israeliana. Persino i media  mainstream ormai segnalano la ricca  britannica, socia e complice di Epstein  (“madame”, la chiamano, come la tenutaria di bordelli)  che  si chiama  Ghislaine Maxwell.  Essa è  figli di Robert Maxwell, gran  padrone della stampa britannica  (Mirror Group,  Pergamon Press)  e informatica   (Sinclair )  e notorio agente: gli si attribuisce la segnalazione al Mossad di Mordechai Vanunu, lo scienziato atomico che aveva rivelato  che Israele possedeva l’atomica (e per  questo fu rapito dal Mossad e condannato a 18 anni)  ma soprattutto rubò agli USA e fornì a Sion (e anche al KGB) il  PROMIS, il primo software-spia disponibile ai servizi. Robert Maxwell –  vero nome Ján  Binyamin Hoch   – mori ’  in circostante misteriose nel novembre 1991 alle Canarie, cadde fuoribordo del suo splendido  yacht  e annegò.  Ha avuto funerali di Stato (ebraico) e  sepoltura a Gerusalemme, Monte degli Ulivi. Nell’orazione funebre, l’allora primo ministro, Ytzak Shamir (l’ex terrorista dell’Irgun)  disse: “Egli ha fatto per Israele più di quanto si possa dire  oggi”.
Robert Maxwell e la figlia Ghislaine (lei oggi ha 56  anni)
Il panfilo da cui “cadde”, fortuitamente o no, si chiamava Lady Ghislaine, il nome dell’amata figlia, che ora  ha seguito  le sue orme.

Oggi “madame”  del pedo. Per ricatatre insieme. 
E’ il parere di Robert Steele, ex agente della CIA esperto informatico, che con Bill Bonney (informatico della NSA)  schiera la sua competenza dalla parte di Trump contro il Deep State: “Resto dell’idea che Epstein è un agente clandestino del Mossad, assistito dalla  operativa clandestina Ghislaine Maxwell,  con la missione di fare precisamente quel che fanno: incastrare politici statunitensi, magistrati, celebrità, pubblici accusatori e capi di grandi imprese alla sua Lolita Island – col Mossad che ottiene i video.  Penso inoltre che  siccome  Epstein  è “on the job”,  anche CIA e Fbi   si sono associate al “lavoro”:  per loro è più importante essere in grado di ricattare più gente importante possibile , perché così   fanno aumentare gli stanziamenti, che beccare traditori, pedofili e delinquenti in cravatta – e il fatto che ora l’ FBI abbia sfondato la porta di Epstein può significare che i vecchi accordi non sono più attivi, e il nostro presidente potrebbe iniziare una campagna di terra bruciata per prosciugare la palude. Io lo prego di farlo”
Effettivamente, è saltato fuori un documento  della polizia federale dove si dice che “Epstein  ha fornito all’FBI le informazioni concordate”  per cui “non ci saranno procedimenti  giudiziari federali finchè  continuerà a mantenere il suo accordo con lo stato della Florida”.
Insomma il pedofilo era un informatore dell’FBI di Robert Mueller, l’uomo che ha cercato di incastrare Trump montando il Russiagate come procuratore speciale.
Inoltre Epstein era  negli affari con un’agenzia di modelle israeliane che   procurava  ragazze giovanissime dall’Est Europa. Tra l’altro, proprio con gli stessi aerei della DynCorps,  la ditta di mercenari (contractors) che si è distinta nei Balcani proprio per il traffico di ragazzine da prostituire.

Per questo Robert Steele  (da non confondere con Chris Steele, la falsa spia  britannica il cui falso rapporto sulle orge moscovite  di Trump è servito a Mueller per alimentare il RussiaGate)  fa un appello al presidente:
“Se il presidente Trump avanza su questa strada, e  poi apre la scatola dell’11 Settembre e  mette fine al nostro appoggio all’Israele sionista e  ai suoi agenti  illegali  che corrompono e ricattano tutti quelli che contano, (AIPAC e ADL) sarà rieletto a valanga”.
Difficile, visto che degli agenti non registrati è suo genero. Ma giova sperare.
Per Steele, anche  Leslie Wexner –  i miliardario padrone di un impero dei reggiseno, Victoria’s Secrets   che ha regalato ad Epstein la sua magione  di lusso,  40 stanze e stile rinascimentale  a Manhattan, è un agente del Mossad: un agente pagatore, “uno del gruppo di mega-finanziatori sionisti  che hanno finanziato e progettato con Dick Cheney  l’11 Settembre”. Ma non fornisce particolari.
(Leslie Wexner, “mentore” di Epstein, possiede 4,7 miliardi di dollari).
Naturalmente Wexner è ciò che i media definiscono “filantropo”:  ha fondato  e   finanzia  la Wexner Foundation, che ha la missione di “rafforzare la leadership ebraica”,  sia  con borse di studio a studenti che vogliono un master in studi rabbinici, sia a funzionari  pubblici israeliani a cui paga un master in amministrazione pubblica presso la  John F. Kennedy School of Government dell’Università di Harvard .

Secondo Vanity Fair,  Wexner avrebbe affidato ad Epstein le sue fondazioni e trust – anzi sarebbe l’unico cliente di Epstein  (che nei  media era detto un finanziere gestore di un fondo speculativo: cosa comprovata falsa ) avendogli affidati i suoi miliardi da far rendere… versione alquanto improbabile, dato che Epstein non ha finito nemmeno il college (liceo) e  non ha i titoli universitari per fare lo speculatore.  In un articolo del Times del 1996, il miliardario e filantropo chiamava Epstein “il mio protetto”; ed Epstein chiamava  Wexner “il mio mentore”. Ora Wexner  fa saper di aver rotto i  rapporti col caro pedofilo e sfruttatore di minorenni “una decina di anni fa”.
In attesa che altre pentole del diavolo si scoperchino (o del deep state)  un lancinante episodio:  nel gennaio 2015, il Telegraph ha pubblicato foto del professor Stehen Hawkins, il grande fisico in sedia a rotelle, nell’isola di Epstein – dove  lo scienziato deforme ha trascorso una notte  di sesso, si dice,  con una dodicenne.  Epstein aveva organizzato un convegno sulla gravità, invitando a sue spese 21 scienziati di  fama internazionale all’hotel Ritz  Carlton nell’isola di Sainth Thomas,  vicina alla sua isola privata
Il fisico Hawking ospite di Epstein (2006).


TRATTO DA: https://www.maurizioblondet.it/il-legame-di-epstein-col-mossad/

venerdì 12 luglio 2019

L'EDITORIALE DI TOM BOSCO

La catena degli eventi che stanno caratterizzando questa rovente estate del 2019 è talmente frenetica e soverchiante che non mi ci proverò nemmeno a passarla in rassegna e a commentarla. La mia personalissima sensazione è che ormai si sia raggiunto il classico “orizzonte” di un buco nero il quale, come una sorta di “setaccio”, sta provvedendo a separare il fine dal grossolano, il grano dal loglio della famosa parabola. Se le cose stanno così, non tarderemo a vederne gli effetti e a capire da che parte ci ritroveremo... Salti dimensionali e teorie quantistiche a parte, per questo numero ho preparato un dossier, basato su del materiale che conservavo nel cassetto da diversi anni, e che da solo vale ampiamente il prezzo della rivista che avete in mano. Mi riferisco alla storia cancellata dalla Storia di Biostene di Atene, una sorta di Einstein del mondo antico che anticipò di migliaia di anni concetti scientifici talmente avanzati da risultare ancora oggi semplicemente sbalorditivi e in alcuni casi incredibili. I motivi di questo insabbiamento appariranno evidenti di per sé durante la lettura, ma si sposano magnificamente con altri due argomenti che troverete esposti in questo numero, ovvero la cosiddetta “elettrocultura” (un rivoluzionario sistema di coltivazione praticato per secoli, in grado di aumentare considerevolmente la qualità e la quantità dei raccolti agricoli senza peraltro l’utilizzo di pericolosi fertilizzanti e pesticidi di origine chimica) e la “Grande Tartaria”, una civiltà estesa su tutto il pianeta, tecnologicamente ed eticamente avanzatissima, i cui magnifici resti sono ancora intorno a noi. Mai come in questo caso (o meglio, in questi casi) si applica quella famosa citazione tratta da 1984 di George Orwell: “Chi controlla il passato, controlla il futuro; chi controlla il presente, controlla il passato.” Vale la pena riportare per intero il famoso “bispensiero” tramite il quale, nel romanzo, si controllava la realtà: Dimenticare tutto quello che era necessario dimenticare, e quindi richiamarlo alla memoria nel momento in cui sarebbe stato necessario, e quindi dimenticarlo da capo: e soprattutto applicare lo stesso processo al processo stesso. Questa era l’ultima raffinatezza: assumere coscientemente l’incoscienza, e quindi da capo, divenire inconscio dell’azione ipnotica or ora compiuta. Anche per capire il significato della parola ‘bispensiero’ bisognava mettere, appunto, in opera il medesimo.” Mai come in questi tempi la neolingua orwelliana impera e ottenebra le menti delle masse confuse, e tale già grave situazione peggiorerà in modo esponenziale nel momento in cui saremo totalmente immersi nel campo delle microondeirradiate dai famigerati sistemi 5G, che la criminale élite dominante, fiancheggiata da politici corrotti sino al midollo, del tutto incurante delle proteste popolari e degli avvertimenti di numerosi scienziati in tutto il mondo, ha deciso di installare in ogni centro abitato del pianeta e ha già iniziato a mettere in orbita su satelliti. Anche di questo si parla ampiamente in queste pagine, e si tornerà a parlare sui prossimi numeri. Buona lettura.




Tratto da: https://www.nexusedizioni.it/it/CT/nexus-138-leditoriale-di-tom-bosco-5930

lunedì 1 luglio 2019

LA MONETA DI FACEBOOK

Il 17 giugno Mark Zuckerberg ha presentato al mondo intero Libra, la nuova criptovaluta che sarà in esercizio tra un anno. Sapendo che Marck si muove solo per i propri interessi vediamo alcuni aspetti di Libra, sarà il lettore a stabilire quali siano i Buoni, i Brutti e i Cattivi della nuova idea di questo amato sionista.
Iniziamo dal nome: Libra. Esattamente lo stesso nome della moneta coniata ed imposta da Carlo Magno 1.200 anni fa, e qui un poco di megalomania del fondatore di Faceboock ci sta, ognuno ha un proprio modello di riferimento e Marck ha scelto il suo: Carlo Magno, il fondatore dell’Impero dei Romani. 
L’obiettivo primario dichiarato di questa nuova moneta sarà permettere ad oltre un miliardo e mezzo di persone che ha un cellulare ma non ha un conto in banca di operare trasferimenti di denaro. Quindi, se puoi permetterti un cellulare ma vivi in posti sperduti dove non ci sono banche, ecco che ti offro la possibilità di fare acquisti su Internet, sempre che ci sia copertura telefonica. Mi pare che il bisogno primario di miliardi di persone sia avere l’acqua potabile, non fare acquisti via Internet o inviare criptovalute in giro per il mondo. Che ci sia qualcos’altro dietro? Non è per caso che Marck voglia tagliare le gambe al sistema islamico di invio gratuito di denaro, sistema che tanto fa arrabbiare le banche occidentali che si vedono sfumare i possibili guadagni di queste operazioni? 
Libra sarà gestita da un’organizzazione indipendente e non-profit di nome Calibra, con sede a Ginevra in Svizzera, e formata da 28 partner. Tra questi abbiamo Vodafone e Iliad, i portali Spotify, Booking, e-Bay, società di pagamento elettronico come Mastercard, Visa e PayPal. Tutte società filantropiche che hanno fatto dell’aiuto al bisognoso la propria ragione di vita. 
Secondo Marck la nuova cripto moneta
• avrà un sottostante formato da un paniere di monete forti e sicure,
• sarà gestita da una rete di fiducia,
• sarà globale,
• avrà una piattaforma per vari tipi di transazioni
• sarà senza costi,
• utilizzerà un software open source,
• potrà essere scambiata con altre monete di uso corrente.
A parte l’aspetto del paniere di monete correnti nulla di nuovo rispetto a tutte le altre criptovalute, a cominciare dagli ormai antichi Bitcoin. 
Libra avrà un sistema di gestione privato e slegato da ogni forma di governo ed userà un sistema di transazione basato su una tecnologia simile al Blockchain.
L’uomo di Facebook ha poi detto che Calibra, la società che gestirà la nuova criptovaluta, raccoglierà dati sui clienti e questi dati saranno gestiti e trasferiti a parti terze col consenso dei clienti, a parte casi limitati "… to provide basic functionality to the people who use Calibra… to facilitate and improve the Calibra product experience, market Calibra products and services.”. Funzioni di base? Esperienze del prodotto? Servizi? Qui si sta parlando di nulla e di tutto, si parla di Marketing e di scambio di informazioni con Facebook, e sappiamo quanto FB tenga alla riservatezza dei dati raccolti. 
Con i dati relativi agli acquisti dei clienti Calibra, o chi per lei, potrà andare molto più in profondità nella riservatezza e nelle abitudini dei clienti, si raccoglieranno informazioni ben maggiori che con FB, si potranno analizzare le abitudini di vita di miliardi di clienti e “indirizzarli” come un gregge di pecore, dove si vuole. Questi dati potranno essere venduti o scambiati con parti terze che il cliente non conoscerà mai. 
Marck dice che l’uso di Libra sarà gratuito ma in futuro ci potranno essere piccoli pagamenti per alcune operazioni. Ecco che si scopre un’altra politica economica: adesso ti do il giochino gratis, poi te lo faccio pagare un poco e infine, quando non ne potrai più fare a meno sarai in mano mia e ti toglierò tutto quello che voglio. Una politica che ricorda molto quella degli spacciatori di eroina, ma quelli sono illegali.
Oltre a ciò Marck per fare due soldi potrà caricare l’App di Libra di pubblicità, inserire annunci a pagamento, campagne fedeltà in modo da acquisire clienti che non potranno più uscire dalla trappola. 
Con Libra Mark di Facebook potrà creare la sua economia privata senza nessuna sicurezza e difesa per i suoi utilizzatori.
Come tutte le criptovalte Libra sarà una moneta Fiat, ovvero creata dal nulla, che funziona solo e finché tutti i suoi utilizzatori credono che esista ed abbia un valore, e non avrà nessun controllo governativo. Bitcoin, Ethereum, Monero, Litecoin e centinaia di altre criptovalute, tutte sono nate per sfuggire al controllo degli stati, ma in questo caso il controllo statale è stato sostituito dal controllo dei 28 gestori di Calibra. Con la scusa di sfuggire al controllo pubblico, che per quanto criticabile ha sempre una base democratica, si passa ad un completo controllo privato, e penso che nessuna persona intelligente voglia essere controllata da un’entità astratta e privata.
Certo, se il cliente non accetta questa politica dei servizi può sempre sciogliere il contratto, non usare più Libra, ma resterà sempre presente nei database dell’organizzazione, come avviene con FB… appunto. 
Una considerazione
Attualmente abbiamo in circolazione ed usiamo Buoni Pasto, Carte dei supermercati, Criptovalute e altre forme di pagamento emesse da società private senza alcuna sovranità monetaria. Marck di Facebook, forte del suo potere nei media, ha semplicemente proposto di utilizzare tra un anno una nuova forma di pagamento, la Libra, dipendente da un gruppo di privati, anche questi ovviamente senza alcuna sovranità monetaria. 
A questo punto sorge spontanea una domanda: perché lo stato italiano, che non ha mai ceduto a nessuno la propria sovranità monetaria, ovvero il diritto di emettere moneta, non fa come fanno i privati ed emette una carta di credito in euro, ma svincolata dalla BCE, utilizzando le proprie banche statali? Non gli costerebbe nulla e darebbe una bella svolta al potere d’acquisto degli italiani. 
Se non lo fa i casi sono due: 
• tra il milione e passa di dipendenti pubblici e politici italiani non c’è nessuno in grado di pensare e realizzare una cosa così semplice
• Marck di Facebook ha più potere dello stato italiano
E non so quale sia il migliore.

lunedì 20 maggio 2019

IL PRIMO ” PUTSCH DEGLI ONESTI”

E’ stato nel numero  del 3 febbraio 1993 di “L’Italia Settimanale”, direttore Marcello Veneziani, e per cui lavoravo anch’io. L’articolo rivelava per primo che meno di un anno prima, il 2 giugno 1992, “a bordo del regio yacht Britannia (che si trova “per caso” nelle nostre acque territoriali) dei rappresentanti della BZW (la ditta di brocheraggio della Barclay’s), della Baring   § Co., della S.G. Warburg , e  dai nostri rappresentanti dell’ENI, dell’AGIP, di Mario Draghi del  ministero del Tesoro, Riccardo Gallo dell’IRI, Giovani Bazoli dell’Ambroveneto, Antonio Pedone del Crediop e da alti funzionari della Comit, delle Generali e della Società Autostrade [danno] il via alla svendita dello Stato. Prime vittime annunciate, i patrimoni industriali e bancari più prestigiosi.  Il nome dell’operazione èprivatizzazione”. Formula magica presentata alla collettività come unica cura per risanare la nostra economia e che invece  nasconde un business di proporzioni incalcolabili […] fra le famiglie del capitalismo, banche e signori della moneta. Accordi e strategie politiche ben precise: scippare agli Stati,  considerati un inutile retaggio del passato e un odioso freno la globalizzazione del mercato, la sovranità monetaria”.
Che ve ne pare, come attualità, ora che Mario Draghi torna venerato a qualche massima carica che è stata approntata  per lui? Traggo queste righe  dal libretto di Michele Rallo, “La Crociera del Britannia”, Dino Grammatico Edizioni, per un buon motivo. Rallo, di Trapani, che è stato deputato di Alleanza Nazionale per due legislature dal 1994 al 2001, ebbe la dignità civile di fare quattro interrogazioni parlamentari per sapere cosa s’era deciso sul Britannia: quattro interrogazioni  al governo Amato, al governo Ciampi, al governo Berlusconi. Senza mai ottenere risposta.


Attenzione alle date, consiglia giustamente Rallo:   i media erano  pieni dello scandalo di Mani Pulite (cominciato a febbraio  ‘92)  delle ondate di arresti eccellenti, della crisi del governo democristian-socialista,  le elezioni di aprile avevano segnato la liquidazione politica di Craxi e di Andreotti e il vuoto di potere reale della classe dirigente  – il primo e originale Golpe degli Onesti –  con Giuliano Amato capo di un governo di emergenza. Come non  bastasse, il 23  maggio era stato ucciso il giudice Falcone nel famoso mega-attentato; i media   avevano le migliori scuse per non riferire che, all’orizzonte di Civitavecchia, era comparso il Britannia dove uno sconosciuto funzionario del Tesoro di nome Draghi era presente all’incontro  dove (precisa un’altra interrogazione di Rallo) “fu decisa  la dismissione delle aziende a partecipazione statale […] Le procedure di vendita sono a buon punto per Maccarese e Italstrade, e c’è la conferma della volontà di quotare in Borsa, scendendo sotto il  51%, anche le azioni della Società  Autostrade”  :  che sappiamo in quali mani  private è finita, a render lucri inverosimili ingiustificati.
Per di più, a settembre del ’92, ecco l’attacco di George Soros alla lira, che “obbliga”  Ciampi  a svalutare del 30% dopo una inutilmente ostinata  (e sospetta) difesa della nostra valuta,  che costò all’erario  una perdita valutaria di 48 miliardi di dollari,  facendo arricchire qualcun altro di altrettanto. Con la svalutazione, “calcolato in dollari, l’acquisto delle nostre imprese da privatizzare è diventato per gli acquirenti esteri meno costoso del 30%”.  Sarà certo una coincidenza  se Soros riceverà la laurea honoris causa dalla massonica università di Bologna, su indicazione(si dice) di Romano Prodi, uno degli artefici maggiori della esaltante stagione delle privatizzazioni.
A rivedere  il film di quei tempi che ho vissuto,  resto colpito dall’accumulo straordinario di eventi enormi che avvennero tutti in pochi mesi del 1992.  Il  7  febbraio, il Trattato di Maastricht:  17, arresto di Mario Chiesa e inizio della tempesta giudiziaria di Mani Pulite;  aprile, le elezioni disastrose per i vecchi partiti, e che vedono l’affermazione di Lega Nord e di Rete (Leoluca Orlando), i due “partiti degli Onesti” dell’epoca, con molti punti in comune con il grillismo odierno.  Il 27 aprile, le dimissioni anticipate di Cossiga, “perché ci vuole un presidente forte” per  reggere  il timone nella tempesta (e tenere a freno le procure) e lui, prossimo alla scadenza  e dunque al semestre bianco, non lo è. A maggio la morte di Falcone;  a giugno, l’arrivo del Britannia; a settembre Soros che attacca la lira. E in questi mesi Amato, Ciampi, Prodi, Andreatta che ci danno dentro  con le privatizzazioni delle aziende a partecipazione pubblica. Con un governo Ciampi  che  è il primo di uno  al di fuori del  parlamento (meglio: il secondo, il primo fu il governo Badoglio), e pieno di “tecnici”, ossia gente delle banche e della finanza.

Cronologia di Mario Draghi

Ciò  che non ricordavo è la provenienza di Draghi. Com’è che appare al Tesoro,  e come direttore generale? Dove stava, prima?
Era direttore esecutivo, ossia altissimo dirigente, della Banca Mondiale. Dal 1984 al 1990.  La Banca Mondiale, fondata nel ’45 dopo Bretton Woods come primo pilastro del futuro Governo Mondiale;  quello di cui il banchiere Warburg disse al Senato, nel 1950: “Avremo un governo mondiale, vi piaccia o no – o col consenso o  con la forza”.  E’ alla Banca Mondiale  che  Bush jr. ha messo il  suo complice-chiave del’11 Settembre, il Paul Wolfowitz dal doppio passaporto.
Dunque Draghi aveva alle spalle una eccelsa carriera nel mondo della finanza anglo, in corso dal 1984 al 1990.  Ma proprio nel 1990, per divina ispirazione, lascia l’America  e torna in Italia. Nel 1991, viene nominato al Tesoro: Direttore Generale. Da chi? Dal ministro di allora, Guido Carli,“co-autore con Giuliano Amato della legge delega che aveva avviato la privatizzazione” della Banca d’Italia.  In tempo per salire sul Britannia. Un “tecnico”. E’ possibile, ma non c’è prova, che ci fosse anche Andreatta.  Se fosse vero, era l’unico politico italiano invitato. Se si può chiamare “politico” quello che attuò il divorzio fra Tesoro e Bankitalia nell’81.
Torniamo a Draghi:
1984-1990 direttore della World Bank.
1991-2001 Direttore generale del Tesoro e – insieme  – Presidente del Comitato Privatizzazioni: carica in cui  si avvicendano altri liquidatori del patrimonio pubblico, fra cui Romano Prodi, successivamente presidente IRI (fino al ’94), capo del governo (1996-1998),  e come premio,  presidente della Commissione Europea (1999).
2002  – Draghi lascia e va a Goldman Sachs. “Non  da semplice manager, ma addirittura da vicepresidente con competenza dell’area europea, e membro del suo  Management Committee Worldwide”. Ossia della finanziaria  speculativa  che non soltanto aveva fatto la “consulente della privatizzazione di Credito Italiano e Fintecna,  ma aveva acquistato in prima persona consistenti pezzi del nostro patrimonio nazionale: fra cui l’intera proprietà immobiliare dell’ENI , più altri patrimoni immobiliari da Fondazione Cariplo,  RAS, Toro eccetera”.
Ah, se ci fossero stati i procuratori di Mani Pulite! Avrebbero potuto rilevare  come  possibile reato  il gigantesco conflitto d’interesse in capo a Draghi e incriminarlo! Ma  non c’erano. Solo trent’anni dopo,   una loro emulatrice avrebbe messo sotto intercettazione  il sindaco di Legnano. I conflitti d’interesse   diventano delitti solo a quel livello.
2006 – Draghi rientra in Italia e diventa Governatore della Banca d’Italia. Ah, peccato  che si fossero distratti i procuratori di Mani Pulite! E il partito degli Onesti non abbia eccepito l’inammissibilità che un dirigente di Goldman prendesse la più  importante carica pubblica monetaria  –    ah già, ora  Bankitalia era privata.
Chi ce l’ha messo?  “Male, molto male io feci ad appoggiarne, quasi a imporne la candidatura a Silvio Berlusconi”, esplose Cossiga  ….”E’ il liquidatore,  dopo  la famosa crociera del Britannia,  dell’industria pubblica ..  la svendita dell’industria pubblica italiana quand’era Direttore generale del Tesoro” . E’ il celebre  momento  del “vile  affarista”:
Un vile, vile affarista…non si può mettere a presidente del Consiglio [se ne parlava già  allora] chi è stato socio di Goldman Sachs”. 
Ah ,  che bell’occasione per le Procure!   Prendere le parole dell’ex capo di Stato e usarle come notitia   criminis onde indagare Draghi, l’uomo di Goldman Sachs  –  per appurare,  con intercettazioni 24 ore  su 24  come  quelle che fanno adesso ai leghisti, di quali “vili affari” lo si potesse accusare. Niente. Davigo, l’occhiuto Procuratore Totale,  non raccolse.
2006-2011 Draghi resta dunque a governare Bankitalia.
2011 – spicca il  grande balzo: governatore della Banca Centrale Europea.
….Adesso torna, tranquilli.  Capo di governo “tecnico” e poi presidente della Repubblica, come Ciampi –  a  completare l’opera e  applaudito dagli Onesti.
Fini dai Rotschild: entrò fascista uscì conservatore
La storia non sarebbe completa senza il finale comico che riguarda Gianfranco Fini, allora segretario di Alleanza Nazionale, presidente della Camera, alleato di Berlusconi nel governo e desideroso di sostituirlo. Una vicenda di cui Rallo, in quanto parlamentare di AN, conosce particolari a me sfuggiti.
Il Corriere della Sera del 21  gennaio 1995 titolava: “Fini a Londra: polemica sul Times, colazione dai Rotschild”. Si riferiva di una “colazione di lavoro” della  Banca Rotschild “Per sentire cosa propone Fini. E si riportava di una voce di corridoio: “Arriverà fascista e partirà conservatore”.
Quello che volevano sapere i banchieri Rotschild  dal successore di Almirante: “AN è un partito liberista o statalista? Era  a favore o contro lo stato sociale? A favore o contro la moneta unica europea?
E più e più volte: siete a favore delle privatizzazioni?” – e lui, Fini, “fa di tutto per rispondere”, riferisce l’inviato del Corriere – che era l’inviata: Lucia Annunciata, passata al Manifesto a Repubblica e  dal ’93 appunto al Corriere; ma anche, dal ’95, in RAI 3 – dove dirige Linea 3. Mi stupii un po’ allora, assistendo alle interviste faccia a faccia che  la “rossa”  Annunciata faceva a Fini:  simpatizzanti,   di sdoganamento, quasi di promozione. Adesso capisco perché.  Repubblica, lo stesso giorno, dettava: “Il presidente di AN parla a favore delle privatizzazioni –che la City e la Banca Rotschild ascoltino”.
Un pilota del parco velivoli dello Stato mi disse che Fini (e neo-consorte) volavano spesso a Londra impegnando un  executive della repubblica.   Imparava bene. Nel 2003 in Israele,  kippà in testa, pronunciò la frase: “Fascismo male assoluto”, ed eccolo, purificato  nell’apposito lavacro, pronto a sostituire Berlusca. Il quale durava troppo, probabilmente, anche per quelli di Londra. Fino al giorno del “Che fai, mi cacci?”, del 22 aprile 2010. Era sul punto di…ma arrivò la storiaccia della casa di Montecarlo, rivelata da Il Giornale di  Berlusconi.
Per Rallo, era finita prima. Le quattro interrogazioni che  aveva presentato per sapere  dal governo di cosa si era parlato sul Britannia, lo rendeva inadatto alla nuova nascita del Segretario come Rotschildiano. “Al convegno di Fiuggi (gennaio 1995) dall’elenco dei deputati del Gruppo Sud , il mio nominativo veniva cassato personalmente dal presidente. Non mi spiego il perché”, mi disse allora Antonio Parlato, l’onorevole che  aveva presentato l’elenco a Fini.
(Da ricordare a chi ha meno di 40 anni e quindi non  sa del “Britannia”.  Specie adesso che Berlusconi ha candidato Mrio Draghi… anche se è possibile che l’abbia nominato per bruciarlo.   Almeno a giudicare dal dispetto con cui nel  hanno parlato a Radio Radicale: ….Ha voluto trascinarlo nella  campagna elettorale…”. Indicazione che l’ordine è:  non si faccia nemmeno il santo nome del Banchiere, deve restare candido e sacro, da Venerato Maestro, per gli usi ulteriori).
Qui sotto un video del gruppo Larouche, a cui risale il merito di aver rivelato per primo la crociera del Britannia:


venerdì 3 maggio 2019

RIECCO IL “CALIFFO”. TUTTO FALSO. SOLO IL PERICOLO E’ VERO.

Ben pasciuto,  riposato e disteso,  per nulla provato e smagrito da una guerra  che ha perduto  rovinosamente  (ancora poche settimane fa lo si dava nell’ultima trincea dell’ISIS a Baghouz a morire con gli ultimi fedelissimi; i kurdi  gareggiavano con l’esercito siriano per catturarlo, si diceva) è riapparso Al Baghdadi.
Spero che nessuno abbia ancora il minimo dubbio:  questo personaggio, selezionato  dagli americani ad Abu Ghraib, è stato messo a capo di un’armata di guerriglia e terrore per l’occupazione della Siria, pagato dal regno wahabita, addestrato da Cia, NATO e Mossad, nell’ambito dell’operazione CIA chiamata “Timber Sycamore”, su cui sono stati scritti libri; al più ampio scopo del cosiddetto Piano Kivunim, la creazione di una zona di vastissima instabilità, degrado morale e materiale,  e terrore islamista attorno alla “sola democrazia  del Medio Oriente”.
https://it.wikipedia.org/wiki/Operazione_Timber_Sycamore
I  dirigenti di questa armata chiamata ISIS sono stati continuamente sostenuti dalle armi USA, anche dall’US Air Force con bombardamenti mirati  contro le truppe del governo legittimo di Damasco; quando erano  in difficoltà, elicotteri Usa sono arrivati ad esfiltrarli.
Come dice Thierry Meyssan, che scrive da Damasco ed  ha entrature nell’intelligence musulmana anti-jihadista (Siria, Iran, Hezbollah, Mosca…)  se  “ Al Qaeda è una forza paramilitare suppletiva della NATO,   Daesh è un esercito di terra alleato, finanziato ed armato direttamente dagli Stati Uniti –  e nato  per amministrare un territorio, il Sunnistan o Califfato, che avrebbe dovuto separare l’Iraq dalla Siria”,  in funzione anti-sciita –  ossia per rompere la continuità  territoriale e quindi logistica  fra sciiti iracheni e siriani ,  secondo la volontà di Sion.
Ora questo “califfo”, che  è stato debellato ed ha perso almeno 80 mila uomini, jihadisti   raccolti ed arruolati da tutto il mondo, Cina ed Europa compresa,  addestrati e pagati dagli occidentali, compare come niente fosse, ingrassato,  sotto il logo del SITE di Rita  Katz, e annuncia una guerra di logoramento  contro “I crociati”; riceve  il giuramento di lealtà da presunti  sudditi dell’ISIS venuti dal Mali, Burkina, Afghanistan e Sri Lanka che  appaiono  nel video a volto coperto, secondo la nuova moda Katz; dice  che la strge di Sri Lanka è stata la rappresaglia per Baghouz, l’ultima trincea dell’ISIS in Siria…Il video è pesantemente editato con tagli e cuci, e realizzato apparentemente in più riprese. La voce fuori campo che annuncia la strage di Sri Lanka sembra aggiunta dopo.
IS leader Abu Bakr claims that members of his group were responsible for the Easter attacks in
Visualizza l'immagine su Twitter
In one of his rare appearances since the 2014 famous video at the Nouri Mosque is , leader comments on latest developments in the region, without going into details, just making it clear the video is recent pic.twitter.com/NjUUhEYLMQ
Visualizza altri Tweet di Ali Hashem علي هاشم
Insomma tutto è falso: falso il califfo, falso il video, falso ciò che racconta – tranne il pericolo. Quello è vero. Significa che i burattinai – Israele e Deep State, Regno Saudita  – non hanno affatto rinunciato a compiere stragi “islamiste”  –   firmate Daesh e diffuse da Katz: in tutto il mondo.
“Una campagna di terrore continua, dispersa geograficamente, dopo che non ha più alcun   insediamento stabile”, dice il sito di Eliha Magner, il miglior giornalista dell’area.  Meyssan concorda: “ Essendo stato Daesh privato del proprio territorio, i sopravvissuti di quest’organizzazione non potranno più svolgere il ruolo loro assegnato dagli occidentali, ma soltanto adempiere una funzione comparabile a quella  precedente  di Al Qaeda: agire come una milizia terrorista.”.

Dal Congo a Sri Lanka – vittorioso e come nuovo

Pensate solo se vi sembra pssibile questo: disfatto,  con centinaia di migliaia di combattenti   perduti, materiale, armamenti e milioni dissipati,  apparentemente ridotto a pochi uomini presuntivamente col morale a terra  – l’ISIS riappare  di colpo, contemporaneamente, sferra due attentati, in due zone  del mondo lontanissime fra loro, e dalla sua area: il Congo e Sri Lanka.
In Congo, il 16-17  aprile,  la loro agenzia Amaq (ossia rita Katz) annuncia che “combattenti dello Stato Islamico” hanno partecipato all’assalto di  una caserma nel Nord Kivu, e annunciato che  lo stato congolese è una nuova zona del suo califfato i Africa centrale,  in realtà avrebbe agito in appoggio di una milizia musulmana ugandeze ribelle, le Allied Democratic Forces.
A Pasqua, l’attacco alle chiese cattoliche e agli alberghi di Sri Lanka: operazione-massacro che dimostra la disponibilità di dozzine di kamikaze, quintali di esplosivo militare,  ufficiali di collegamento e coordinazione fuori area, ampie coperture, e  – non trascurabile  – la disponibilità di milioni di dollari, perché gesti del genere non  hanno nulla di improvvisato e volontaristico, e  costano.
Ora, se voi credete che sia Al Baghdadi, che sia l’ISIS  appena disfatto in Siria, senza l’aiuto USrael-Saudita, in grado di far questo, ho una fontana di Trevi da vendervi, come Totò in un famoso film.
Solo che non c’è niente da ridere. I mandanti ed organizzatori, che stanno tra Washington, Tel Aviv e Ryad, sono perfettamente in grado di seminare sangue e firmarlo “ISIS” e farlo dichiarare in video dal pingue califfone, creando il clima desiderato di anti-islamismo che serve a  far sentire gli europei assediati più di quello che sono, e far loro accettare una nuova guerra per Sion (Hezbollah, Iran, Siria di nuovo) o semplicemente far regnare il terrore in Europa per la loro strategia della  tensione.
Nel video, ad un certo  punto, uno dei mascherati passa al califfone un fascicolo su cui è scritto Wilayat Turchia: un attentato in Turchia potrebbe insegnare una lezione  islamista a Erdogan, sgradito agli USA e alla  NATO per via della sua insubordinazione all’alleanza. Al BAghdadi ha detto anche che attaccherà la Francia…
Sul dossier c’è scritto “Turchia”…Erdogan sarà punito.
Ora, conviene ricordare che  poco tempo fa, a febbraio, il governo francese   stava per rimpatriare centinaia di terroristi e guerriglieri dell’ISIs, di nazionalità francese,  sconfitti e prigionieri di curdi e siriani, di nazionalità francese, ed ha per il momento soprasseduto per lo scandalo che ciò ha fatto detonare sul web: ma evidentemente Parigi  sente un obbligo di assistenza e protezione verso questi giovani dal passaporto  nazionale   –   perché li ha arruolati e mandati a uccidere e farsi ammazzare in Siria. Dopotutto, “sul terreno Al Qaeda fa un buon lavoro”, disse il ministro degli esteri di allora, Laurent  Fabius. Meyssan aggiunge che attualmente, “incapaci di rompere con questi alleati di circostanza, Germania e Francia se ne sono fatte carico in termini umanitari, di alimentazione e sanitari.   Quando gli europei oggi parlano di aiuto ai rifugiati siriani, si deve intendere il sostegno ai membri di Al Qaeda, che generalmente non sono né civili né siriani. Tutto sommato, finché Germania e Francia manterranno i mercenari di Al Qaeda a Idlib, il ritiro dei soldati USA dalla Siria non modifica di molto la situazione”.

Non so dove lorsignori faranno il prossimo attentato islamico. E’ possibile che sia in Europa. E’ possibilissimo che siano musulmani che vivono qui a  farlo, siano immigrati recenti o di terza generazione.   Ignari di fare il gioco del nemico che li ha manipolati dal 2001. Perché l’Islam in terra straniera ha “un problema”   o due.  Non riconosce che quello che vige e  domina oggi,  è il wahabismo: una scheggia impazzita resa forte dai miliardi sauditi,  la potremmo definire una eresia  fanatica e demente  – i wahabiti sono convinti che  non solo i cristiani, ma quasi tutti   gli altri  musulmani siano traditori della Unicità, e degni di decapitazione  – ma purtroppo nell’Islam non c’è alcuna autorità   autorizzata a pronunciarsi in tema di ortodossia – anche  se  l’impero ottomano giustamente represse ferocemente il wahabismo. Il secondo “problema” è  che  nessun musulmano condannerà mai ad alta voce musulmani che uccidono “infedeli”,  perché  nella Sunna ciò è lodato ed approvato.  Così succederà che, se il Califfo chiama, altri loro giovani andranno, si faranno esplodere a Parigi e Berlino o Roma  gridando Allahu Akbar,  e  faranno ancora una volta  –  l’ennesima  –   il gioco di Israele che vuole che ogni europeo condivida il terrore e l’odio per  i musulmani, che provano loro in Sion. Che è uno dei motivi per cui hanno fatto riapparire Al Baghdadi.

I musulmani hanno un “problema”  che dovrebbero riconoscere: ammazzano troppo. Anche i loro.
il terrorismo è diffuso in tutto il Medio Oriente, l’Afghanistan, il Pakistan e alcune parti dell’Africa.  Dove c’è l’Islam.  












Morti totali legate al terrorismo dal 2001   al 2017  per le dieci nazioni più colpite dal terrorismo:
1.) Iraq – 65.519 morti
2.) Afghanistan – 31.965 morti
3.) Nigeria – 20.375 morti
4.) Siria – 9.574 morti
5.) Pakistan – 16.773 morti
6.) Somalia – 5.956 morti
7.) India – 8.123 morti
8.) Yemen – 4.633 morti
9.) Egitto – 2.215 morti
10.) Filippine – 2.869 morti