Home page

sabato 10 giugno 2017

Sociosofia su Re Nudo 36 Osho evoluzione

Sociosofia su Re Nudo - Majid Valcarenghi

Sociosofia su Re Nudo 36 Osho evoluzione


Majid Valcarenghi ha pubblicato nel numero "primavera 2017" della rivista Re Nudo, intitolato "Osho - evoluzione", un articolo sul MANIFESTO DELLA SOCIOSOFIA. Ringrazio di cuore Majid per il suo interesse. 


IL MANIFESTO DELLA SOCIOSOFIA
Analisi e soluzioni radicali per una nuova concezione della politica
Di Mario Haussmann

La Sociosofia è la soluzione di tutti i problemi sociali, economici e politici per tutto il mondo. La parola “Sociosofia” significa letteralmente “il buon senso del popolo”. L’idea di fondo è che la “mente di gruppo” del popolo è in grado di risolvere i propri problemi con risultati migliori che delegando la ricerca di queste soluzioni alle limitate menti di una manciata di politici professionisti. La Sociosofia è anche una nuova filosofia sociale e politica che si orienta alla Natura, prendendola a modello per il management e l’organizzazione, sia nella sfera pubblica che in quella imprenditoriale. Infatti, la Natura è maestra nel produrre invariabilmente efficienza , robustezza e sicurezza di funzionamento con il minimo di sforzo e risorse, senza sprechi e senza scorie. Finora non è venuta a molti l’idea di applicare le leggi della Natura al management e al governo. Secondo la Sociosofia, l’organizzazione sociale del futuro deve conformarsi all’esempio degli organismi viventi e rispecchiare una concezione bionica della struttura di governo. Tutti ci lamentiamo che la nostra democrazia sia un sistema scaduto. Lasciamo riposare in pace l’anacronistico concetto di “democrazia” nel cimitero degli imbrogli; rivolgiamo il nostro sguardo a una nuova politica naturale, che finalmente sia di nuovo in accordo con la definizione antica di politica, cioè “l’arte di garantire prosperità e felicità alla comunità”. La Sociosofia rappresenta un metodo concreto per pervenire presto alla vittoria del buon senso e a condizioni di vita adeguate alla dignità dell’essere umano, è una nuova idea nascente e la nostra mente, recepito un nuovo concetto, supera se stessa, e non può più ricadere nello stato precedente.
La posta in gioco non potrebbe essere più grande. Per ritornare a gestire l’economia in armonia con i principi di Madre Natura è in
fondo il desiderio di tutti. Siamo quindi pronti ad appropriarci con passione di quelle conoscenze necessarie per smascherare gli inganni perpetrati dalle istituzioni di potere ai nostri danni?
“L’ovvio è quel che non si vede mai, finché qualcuno non lo esprime con la massima semplicità.” – Khalil Gibran
Il Manifesto della Sociosofia è strutturato in tre parti. La prima parte è propedeutica per poter comprendere e decodificare la realtà che ci circonda. Se oggi nel mondo nulla funziona come dovrebbe, ciò non è dovuto a fatalità. Politici, leader ed esperti non hanno da proporre valide soluzioni, no hanno la più pallida idea di come far funzionare sistemi come l’economia,la giustizia, l’istruzione o la sanità pubblica. Di fronte alle ingiustizie abissali del nostro tempo e all’irrazionalità che pervade ogni ambito della vita umana molti si sentono impotenti. Pare che nessuno sappia spiegare in dettaglio come fare per invertire la rotta.
“Ogni male viene dall’ignoranza, ma vi è un male più pericoloso ancora ed è l’ignoranza della propria ignoranza”, disse Maometto. Per questo motivo il primo volume offre una panoramica di tutti i più gravi problemi del mondo e ne vengono analizzate le cause per risalire alla loro radice comune. Si tratta di compiere un viaggio attraverso informazioni finora segrete, celate ai popoli dai governanti.
Il primo volume del Manifesto della Sociosofia contiene tutte le informazioni basilari necessarie ad avere una chiara comprensione delle forze attive dietro gli avvenimenti centrali. Infatti diceva Sai Baba che “Non conviene trarre conclusioni affrettate e su basi inconsistenti. Voi siete nati per il bene vostro, e non quello di qualcun altro. Dovete curare la malattia dell’ignoranza così come curate la fame”.
Il nostro sistema è completamente marcio perché si fonda su basi innaturali e solo ponendolo in sintonia con le leggi naturali è possibile curare tutti i malanni che affliggono il pianeta. Purtroppo l’establishment ci ha indotti a credere che campi come l’economia, la finanza o la geopolitica siano argomenti troppo intricati per essere padroneggiati da chi non è addetto ai lavori. Tutto ciò non è vero. Si tratta in fondo di questioni così semplici che possono essere comprese perfino da un bambino, e una volte capito questo non ci sono più ostacoli ad impedire la realizzazione del bene collettivo. Ma per poter giudicare, per poter scegliere e soprattutto per poter fare le cose giuste è indispensabile conoscere e sapere.
Nella seconda parte del Manifesto della Sociosofia sono descritte metodologie soppresse e inedite che sono estremamente utili nell’attuale situazione e viene fornita una chiara prospettiva sulle soluzioni disponibili. Vi sono raccolte strabilianti idee e soluzioni nuove ed originali per dare un’impostazione organica a tutti i sistemi che caratterizzano la nostra società. Questa conoscenza permette di organizzare campi come l’agricoltura, la medicina, la giustizia, l’istruzione, l’urbanistica, l’economia, la tecnologia e tanti altri in maniera naturale, in analogia al funzionamento degli organismi viventi e in conformità con i principi universali espressi nelle leggi della Natura.
Con concetti chiari viene spiegato come a partire da un nuovo sistema monetario, nel quale il denaro sia onesto, si può creare nella pratica un sistema politico fondato sulla libertà invece che sul potere,un sistema economico fondato sull’abbondanza invece che sulla scarsità, e un sistema sociale fondato sulla serenità invece che sull’ansia dei cittadini, e quindi assicurare a tutta la popolazione il benessere e la felicità.
La terza parte illustra i mezzi per realizzare rapidamente il sogno di trasformare radicalmente il modo. Nessuno ha mai fornito una traccia da seguire per creare uno Stato a misura d’uomo e un sistema di convivenza civile che escluda il principio del potere, eccetto il grande veggente e filosofo irochese Deganawidah. Egli si descrisse così: “Io sono Deganawidah, Colui Che Sa Come Far Funzionare Le Cose Nel Mondo, un rappresentante sulla Terra della Mente del Creatore. … Io sono un potente mediatore per migliorare il mondo e le mie parole producono risultati. Poiché io dico la verità e difendo le creature innocenti, la giustizia trionferà e le libererà dalla loro sofferenza”. I padri dell’idea democratica, i fondatori della nazione americana, gli inventori del sistema politico democratico e costituzionale avevano tutti studiato i suoi insegnamenti ed oggi le sue dottrine ci sonopiù utili che mai per mettere in atto il sistema sociosofico della completa libertà individuale nella sicurezza che solo una società finalmente guarita da tutti i suoi malanni può garantire.
Siccome in tutta la storia nota del genere umano non troviamo nessuna dottrina, teoria o filosofia, che ci possa dare indicazioni su come dar vita ad un tale sistema e nessun sistema politico noto può farci da esempio, dobbiamo rivolgerci altrove per trovare la soluzione. E dove possiamo cercare l’ispirazione giusta, il modello da seguire?
La Natura in tutto il suo operato ci propone soluzioni ottimali, efficientissime, e per di più belle. Nel corso di milioni di anni la Natura ha sviluppato la soluzione perfetta per ogni tipo di problema e queste metodologia non attendono che di essere scoperte e applicate. Le potenziali soluzioni che la Natura ci offre sono incredibili e per renderle utilizzabili per il nostro fine abbiamo bisogno dell’ausilio delle scienze naturali.
Con il metodo scientifico proposto dalla Sociosofia diviene facile far trionfare il buon senso in tutti i campi. Inserendo ogni singola tematica nel suo contesto naturale, si ottiene un metodo concreto, pratico e infallibile per migliorare velocemente il mondo in maniera intelligente e non-violenta. Il Manifesto della Sociosofia si propone di contrapporre nitidamente “quello che è, ma non dovrebbe essere” a “ciò che ancora non è, ma dovrebbe essere”. Per tale proposito l’opera era naturalmente destinata ad essere espressa nella forma letteraria di un manifesto, cioè di un testo di facile lettura ma contenente tutte la informazioni che bisogna possedere per avere la chiave d’accesso ad un futuro splendido, entusiasmante , facile da comprendere dalla mente razionale e che possa essere amato e desiderato con tutto il cuore, e per il quale valga la pena di mettersi in gioco, di impegnarsi e di lottare con gioia. Tutte le persone hanno un innato anelito profondo a condurre una vita migliore e ciò che impedisce loro di accedervi è unicamente il fatto che non sanno “come fare”. Solo tale conoscenza ha il potenziale di rinnovare il sistema realizzando le promesse che la democrazia non è riuscita a mantenere e permettere così finalmente a tutto il popolo di vivere felice in libertà, sicurezza, prosperità, salute e saggezza.
-------
“Con il regime della tecnologia elettronica il compito dell’uomo diventa quello di imparare e di sapere; tutte la forme di ricchezza derivano dallo spostamento delle informazioni.” Marshall McLuhan
-------

Scarica l'articolo pubblicato nella rivista 36 Re Nudo - Osho evoluzione 

sabato 20 maggio 2017

“Lavorando bene, con i servizi sanitari, la contraccezione e i vaccini potremmo ridurre la popolazione di un 10-15%” BILL GATES







VACCINI E BUGIARDINI

di Romina Alessandri - tratto da CONSAPEVOLE nr. 11


L’idea di un articolo sui vaccini mi è venuta qualche tempo fa, quando mi sono trovata a cercare più informazioni possibili sull’argomento vista la mia dolce attesa: mi sono resa conto di quanto può essere difficile avere informazioni chiare e disinteressate, soprattutto dalle aziende sanitarie. 
Negli ultimi mesi mi è capitato spesso di discutere l’argomento con familiari, amici, ostetriche e medici delle ASL locali. Questo confronto mi ha portato ad una grande confusione mentale: mi sono ritrovata a dover fare i conti con opinioni diverse, spesso frutto di preconcetti o addirittura di totale ignoranza sull’argomento. Dato che la vaccinazione è di routine, sono poche le famiglie che si preoccupano di informarsi sulle reali necessità o controindicazioni del vaccino stesso, e quindi sono ancora di meno quelle che decidono di non vaccinare, operando una scelta consapevole. Sento quindi la necessità di chiarire, con questo articolo, alcuni aspetti importanti relativi a questa scelta, in modo da mettere luce i pro e i contro della pratica vaccinale. Siccome nel mio percorso ho notato che la maggior parte dell’informazione a cui si ha accesso frequentando le strutture sanitarie è pro-vaccino, porterò la testimonianza di associazioni e gruppi di ricerca “contro”.
Credo spetti poi ad ogni genitore la scelta di approfondire l’una o l’altra strada.


La situazione in Italia e nel mondo Nei paesi “sviluppati” esistono, relativamente alla pratica vaccinale, obblighi assoluti solo in Italia e Francia, molto elasticamente in Grecia ed in tre dei cinquanta stati degli USA. In Belgio vi è quello dell’antipolio, ma non essendovi una vera e propria legge è facilmente “aggirabile”. Solo nei paesi di ex area sovietica tuttora esistono obblighi assoluti. In Italia vi sono quattro vaccinazioni obbligatorie (polio, tetano, difterite, epatite B), sei consigliate ed altre cinque verranno proposte nei prossimi tre anni. Ogni regione ha però caratteristiche particolari, per esempio in Piemonte Toscana e Veneto i vaccini non saranno più obbligatori (ma consigliati) a partire dal 2008, mentre in altre regioni sono state abrogate le multe per mancata vaccinazione. Cosa importantissima che tengo a sottolineare: il presidente della Repubblica, il 26 Gennaio 1999, ha firmato un decreto che regolamenta definitivamente la posizione dei bambini non vaccinati a scuola; il D.P.R. n. 355 recita testualmente: “La mancata certificazione delle vaccinazioni non comporta il rifiuto di ammissione dell’alunno alla scuola dell’obbligo o agli esami”. Quindi se per caso qualche scuola non accettasse i bambini non vaccinati, occorre sporgere denuncia all’autorità giudiziaria per azioni anticostituzionali. Per gli asili la situazione è regolamentata regione per regione.
La sicurezza dei vaccini e la loro composizione Il problema dell’obiezione consapevole nasce dalla constatazione che oggi i bambini manifestano una elevatissima presenza di malattie “moderne”: uno su 10 è asmatico; complessivamente uno su tre è allergico; ogni anno 1.000-1.500 neonati muoiono nel sonno per lo più tra i due e sei mesi, proprio quando subiscono le prime due dosi vaccinali. Tali nuove malattie, compreso il cancro in età precoce, sono apparse a partire dalla generazione nata attorno al ’60, che corrisponde alla data di inizio delle vaccinazioni attuate in modo massiccio.
Sostanze pericolose e malattie debellate A partire dai 3 mesi, e nei soli primi 15 mesi di vita, possono essere somministrate al bambino 27 dosi di vaccino che contengono antibiotici, mercurio, alluminio, formaldeide: sostanze tossiche alle quali si può anche essere allergici o che possono scatenare malattie di vario genere. All’interno dei vaccini sono quindi presenti sostanze molto pericolose, soprattutto se pensiamo che le dosi vengono inoculate su bambini con sistema immunitario non ancora formato. Le controindicazioni e gli effetti collaterali sono preoccupanti. Viene da chiedersi perché le vaccinazioni siano così vivamente consigliate dalle Asl locali. Prima di intraprendere questo viaggio nell’informazione mi sono fatta proprio questa domanda: «Perché allora sono obbligatori se così pericolosi?». La mia prima risposta, per logica, è stata: «Forse perché effettivamente i rischi che si corrono sono molto meno gravi rispetto al fatto di contrarre la malattia…». Mi sono data una risposta vera? Proviamo ad indagare.
Il Tetano La comunità non deve difendersi da questo contagio semplicemente perché non è una malattia contagiosa. Se il tetano non è un virus perché si continua ad usare un vaccino antivirale? Tra l’altro in Europa non è mai stata una malattia dei bambini, e non si può neppure sostenere che, vaccinando tutti, si impedisca la circolazione del bacillo che si riproduce nell’intestino dei ruminanti ed è presente anche nella polvere di casa. La malattia non è dunque sradicabile (non la si può far sparire). Anche prima della vaccinazione i casi erano qualche centinaio all’anno e, allora come oggi, si riferiscono quasi sempre ad anziani.
L'Epatite B Delle quattro obbligatorie questa gode di molti studi pubblicati relativi alla sua pericolosità e nessun pediatra ha il coraggio di difenderne l'obbligo. Il totale delle epatiti (A,B,C eccetera) è “crollato” prima del vaccino, passando dai 54.000 casi di tutte le epatiti del ’69 ai 2.733 della sola B del ’94, (nel ’97 circa 2.000), benigni al 95%, cronici nel 4% e mortali solo nell'1%. 
Sui bambini poi il vaccino è inutile perché gli anticorpi che produce durano due anni nei neonati e quattro negli adulti. Considerato che la malattia è degli adulti e comincia ad apparire timidamente a 15 anni, se ne conclude che farlo a 0 ed 11 anni è matematicamente inutile e può fare solo male.
Difterite Anche in questo caso vaccinare tutti per una malattia che “non c’è” produce più effetti collaterali che prevenzione. Nei paesi in cui il vaccino viene poco o per niente usato, la malattia non è presente, mentre appare in paesi super vaccinati (come la Russia ) se c’è fame e freddo; inoltre non è sradicabile. Infine, se la vaccinazione di massa aveva un senso teorico nel 1939. Certamente non lo ha oggi, quando, ad esempio, sono disponibili antibiotici che possono agevolmente essere usati per gli sporadici casi che si presentassero.
Poliomielite Anche qui le centinaia (e probabilmente migliaia) di casi di morte e di invalidità da polio nell’occidente avanzato, almeno negli ultimi 10 anni, sono per lo più dovuti alla vaccinazione. In Italia la malattia (normalmente benigna) stava naturalmente sparendo tra gli anni Venti e gli anni Trenta: i picchi di incidenza sono “stranamente” apparsi in concomitanza con l’introduzione degli obblighi dell’antivaiolosa (1934), dell’antidifterica (1939), con le prime antipolio (1956), e soprattutto con la prima vera campagna vaccinale del 1958. Comunque questo vaccino risulta essere il più pericoloso. Sulla stampa del febbraio ’97 è apparsa la notizia secondo la quale il CDC (equivalente in USA del nostro Istituto Superiore della Sanità), negli scorsi 14 anni ha riscontrato, negli USA, 125 casi di polio da vaccino, che, rapportati alla popolazione italiana, equivarrebbero ad un poliomelitico all’anno circa. Piuttosto giova ricordare che la polio è apparsa nel terzo mondo solo dopo le campagne vaccinali “per salvarli”. Anche la campagna antipolio (italiana) del ’96 in Albania ha prodotto una grave epidemia, (76 casi in perfetta concomitanza di tempo, per lo più fra le persone a contatto dei vaccinati), dimostrando così la sua pericolosità in popolazioni con cattiva nutrizione ed igiene, e la sua inutilità nei paesi “ricchi”. È vero che ci sono stati rari casi di polio invalidante tra non vaccinati (nei paesi “sani”), ma anche tra vaccinati: il problema va valutato comunque, nel suo rischio complessivo per la salute.
Alla luce di queste valutazioni mi sento sicuramente più contro che pro-vaccino. E voi? Ci sono però ancora molte cose da chiarire prima di prendere una decisione definitiva, consapevole e informata. Continueremo quindi il nostro excursus sul prossimo numero, affrontando i possibili danni da vaccino (morti bianche, trasformazioni cellulari maligne, sconvolgimento del sistema immunitario etc.), e le eventuali indicazioni legali per l’obiezione.
Per saperne di più! Leggere attentamente per scegliere consapevolmente Credo sia necessario analizzare in modo specifico quali sono i principi attivi dei vaccini obbligatori e quali indicazioni/controindicazioni sono riportate nel bugiardino approvato dal Ministero della Sanità che andrebbe SEMPRE consegnato ai genitori.
*Non potendo inserire tutte le indicazioni di ogni foglietto verrà fatta una scelta delle parti più significative.
Polioral (antipolio SABIN) Composizione. Sospensione acquosa, in terreno di Earle con lattalbumina 0,5% di virus poliomelitico attenuato dei tipi 1,2,3, coltivato su cellule di rene di  Cercopithecus aethiops (un primate ndr) e stabilizzata con cloruso di magnesio 1M.
Controindicazioni. Ipersensibilità accertata verso uno dei componenti della formulazione (vengono fatte analisi di tollerabilità ai bambini di 3 mesi prima di sottoporli a vaccinazione? ndr). La vaccinazione è controindicata nei soggetti con alterazioni dello stato immunitario (agammaglobulinemia, ipogammaglobulinemia, immunodeficienza combinata umorale o cellulo-mediata); nei soggetti affetti da leucemie, linfomi, neoplasie, patologie del sistema nervoso centrale croniche convulsivanti, nei bambini sani conviventi con persone affette da immunodeficienza. La vaccinazione è differita in casi di malattie acute febbrili , diarrea o altri disturbi intestinali; in trattamento con farmaci immunodepressori. Il verificarsi di qualsiasi reazione neurologica successiva alla vaccinazione costituisce controindicazione alla somministrazione di ulteriori dosi di vaccino.
Tra gli effetti indesiderati. Molto raramente sono stati descritti casi di malattia paralitica associati alla vaccinazione, anche in persone a diretto contatto con soggetti vaccinati (meno di un caso ogni tre milioni di dosi somministrate). Raramente possono verificarsi diarrea, esantema allergico e polineuriti.Fonte: Ministero della Sanità il 12/10/98.
Dif-TET-All (tetano/difterico) Composizione. Anatossine difterica e tetanica purificate ed adsorbite su idrossido di alluminio. Una dose di 0,5 ml contiene: principi attivi: non meno di 30 U.I. di anatossina difterica purificata (preparata a partire dalla tossina difterica neutralizzata con formolo). Non meno di 40 U.I. di anatossina tetanica purificata.
Controindicazioni. Ipersensibilità accertata verso uno dei componenti della formulazione (come si fa a saperlo? ndr). Evitare la vaccinazione in caso di accertata ipersensibilità ai componenti del vaccino e durante qualsiasi affezione febbrile. Il verificarsi di qualsiasi reazione neurologica successiva alla vaccinazione costituisce controindicazione alla somministrazione di ulteriori dosi di vaccino.
Precauzioni. Come per ogni altro prodotto di natura biologica non può essere esclusa la comparsa di reazioni di ipersensibilità: mantenere disponibili adrenalina 1:1000 e corticosteroidi per trattare eventuali reazioni di tipo immediato.
Tra gli Effetti indesiderati. Disturbi neurologici post-vaccinali e reazioni di ipersensibilità, conseguenti alla somministrazione di tutti i prodotti biologici, sebbene estremamente rari, devono essere sempre valutati. In tal caso si raccomanda di consultare il medico per adottare idonee misure terapeutiche.
Foglietto illustrativo revisionato dal Ministero della Sanità il 5/1995
Recombivax HB (epatite B) Formulazione. Per neonati, bambini e adolescenti da 0 a 16 anni. Principi attivi: HBs Ag antigeni di superficie epatite B ricombinanti 5,00 mcg. Eccipienti: mercuriotiolato di sodio 25,00 mcg; idrossido di alluminio 0,25.10 mcg; cloruro di sodio 4,5.10 mcg;  formaldeide <10,00 mcg; tiocianato di potassio <0,25 mcg; acqua per preparazioni iniettabili q.b.p. 0,5 ml.
Speciali precauzioni per l’uso. Come per tutti i vaccini iniettabili un trattamento appropriato deve essere sempre disponibile in casi se pur rari di reazioni anafilattiche conseguenti alla somministrazione del vaccino. Questo vaccino contiene Mercuriolato di Sodio come conservante. Questo vaccino contiene tracce di Formaldeide e di Potassio tiocionato utilizzati durante il processo di produzione.
Effetti indesiderati rari: affaticamento, febbre, senso di malessere, sintomi influenzali, malattia da siero, vertigini, cefalea, parestesia, nausea, vomito, diarrea, dolore addominale, artralgia, mialgia, rash cutaneo, prurito, orticaria, anafilassi, ipotensione, collasso, paralisi (paralisi di Bell), neuropatia, neuriti (compresa la sindrome di Guillain-Barrè, mieliti, incluse le mieliti trasverse), encafaliti, neuriti ottiche, angioedema, eritema multiforme, linfoadenopatia, elevazione degli enzimi epatici, sintomi di tipo broncospasmo, trombocitopenia. Fonte: Ministero della Sanità il 5/1999
Pentavac: antidifterico, antitetanico, antipertossico acellulare, antipolio inattivato e anti-haemophilus influenzae di tipo b coniugato Composizione.Tossoide difterico purificato non meno di 30 unità Internazionali (U.I.); tossoide tetanico purificato non meno di 40 U.I.; tossoide pertussico purificato (Ptxd) 25µg; Emoagglutinina filamentosa purificata (FHA) 25 µg; Poliovirus inattivato tipo 1 (Mahoney) 40 U di antigene D; Poliovirus inattivato tipo 2 (MEF-I) 8 U di antigene D; Poliovirus inattivato tipo 3 (Saukett) 32 U di antigene D; Polisaccaride di Haemophilus Influenzae di tipo b coniugato con la proteina del tetano 10 µg.
Precauzioni d'impiego. Poiché ciascuna dose può contenere tracce di glutaraldeide, tiomersale (un composto antimicrobico a base di mercurio organico, ndr), neomicina, streptomicina e polimixina B, il vaccino deve essere somministrato adottando le dovute precauzioni nei bambini con ipersensibilità a questi ultimi antibiotici (come si fa a saperlo per un bambino di 3 mesi? ndr). In caso di reazione anafilattica conseguente alla somministrazione devono essere immediatamente disponibili trattamenti ed assistenza medica adeguati. Il ciclo vaccinale deve essere sospeso nei bambini che hanno in precedenza manifestato una reazione grave nell'arco delle 48 ore successive alla somministrazione di un vaccino che contenga componente pertussica come per esempio: febbre 40°Cnon connessa ad altre cause identificabili; pianto inconsolabile, persistente, di una durata maggiore di 3 ore; convulsioni associate o meno ad ipertermia; reazioni allergiche; episodi di ipotonia, iporesponsività.
Ultima revisione del testo da parte del Ministero della Sanità: novembre 1998.
Infanrix HepB.: vaccino combinato antidifterico, antitetanico, antipertossico acellulare e antiepatite B Composizione. Principi attivi: sostanze non infettive provenienti da batteri della difterite (non meno di 30 UI) e del tetano (non meno di 40 UI), tre proteine purificate provenienti dai batteri della pertosse [PT (25 µg), FHA (25 µg) e pertactina (8 µg)] e la proteina di superficie (HbsAg - 10 µg) del virus dell'epatite B. Infanrix HepB contiene come eccipienti: alluminio idrossido, alluminio fosfato, formaledeide, 2-fenossietanolo, polisorbato 20 e 80, sodio cloruro e acqua per preparazioni iniettabili.
Cosa si deve controllare prima che il bambino riceva il vaccino? Il bambino non deve ricevere il vaccino se si ritiene che abbia precedentemente avuto una reazione allergica ad Infanrix HepB o a qualsiasi altro vaccino contro difterite, tetano, pertosse e/o epatite B.
La vaccinazione deve essere rimandata se il bambino ha un'infezione con temperatura più alta di 38°. Avvertire il medico:
         - se il bambino ha manifestato problemi di salute dopo la precedente somministrazione del vaccino contro difterite, tetano, pertosse, quali ad esempio: temperatura superiore a 40°C entro 48 ore dalla vaccinazione; pianto persistente per più di 3 ore entro 48 ore dal vaccino; convulsioni verificatesi entro 3 giorni dalla vaccinazione; collasso o uno stato di choc entro 48 ore dalla vaccinazione;
         - se il bambino ha in precedenza manifestato disturbi del sistema nervoso entro 7 giorni dalla somministrazione di un vaccino antipertossico;
         - se il bambino ha alterazioni della coagulazione;
         - se il bambino assume altri farmaci o ha ricevuto recentemente un altro vaccino.
La vaccinazione deve essere preceduta dalla valutazione della storia clinica del soggetto (con particolare riguardo alle precedenti vaccinazioni ed eventuale insorgenza di effetti indesiderati) e da una visita medica. La vaccinazione è controindicata in caso di encefalopatia di eziologia sconosciuta verificatasi entro 7 giorni da una precedente vaccinazione con un vaccino antipertossico.


Visto su: https://www.disinformazione.it/vaccini_bugiardini.htm


domenica 30 aprile 2017

UN CULTO DI LUCIFERO NELL’ALTA FINANZA.

Vedo che alcuni blog  italiani hanno già postato parziali traduzioni di   questo video.  Non so chi  sia quello che parla, se davvero si chiami Ronald Bernard, sia olandese, e sia come dice un professionista interno all’alta finanza. Non so se quando dice che  in quegli ambienti alti si pratica  un culto luciferino, sia vero. Non ho prove. Solo che, quando comincia a  raccontare “sono stato invitato a  partecipare a dei sacrifici…all’estero…”,  gli occhi gli si  riempiono di lacrime. “…Bambini…”. E’ davvero sconvolto al ricordo.
“Ti è stato chiesto di farlo?”, gli chiede l’intervistatore. “Sì, e io non potevo”. S’interrompe, non riesce  quasi più a parlare . Ma si sforza e continua.  Non sta mentendo, Ronald Bernard.
Quindi, traduco anch’io una parte (di 8 minuti:  l’intero video dura 40 minuti) delle confessioni di quest’uomo in cui la coscienza, come dice, “si è scongelata”.

Quando l’intervistatrice  gli chiede di ricordare qual è la cosa peggiore che ha vissuto  in  quell’ambiente di alti poteri, e cosa ha provocato il suo rigetto, lui dice:
“Questo è solo l’inizio della fine. Deve capire che  quando entrate così profondamente  in queste cerchie,  vi fanno firmare un contratto a vita,  di non divulgare i nomi delle imprese, delle organizzazioni o delle persone..Penso sia per questo che  sono ancora in vita. Ci si deve attenere”.
“Vi dico quello che ha scongelato la mia coscienza…Andiamo”, dice con un evidente sforzo su se stesso, e   comincia a  commuoversi. “Sono stato addestrato per essere uno psicopatico;  non è riuscito, perché non ho terminato  la mia ‘formazione’, la mia coscienza è tornata. E’ stato difficile  per me, perché avevo successo, un ottimo status  sociale,  avevo la fiducia della  gente che naviga a quel livello..”.
Si ferma a riflettere.
“Per essere precisi, la  maggior parte di quelle persone aderisce ad una religione speciale.  Come ci sono i cattolici, i protestanti, ogni tipo di religione, questa gente – la maggior parte – erano luciferiani.  Potete dire  che sono tutte fantasie, che Dio non esiste, che niente di tutto ciò è  reale … per questa gente è verità e realtà. Sono al servizio di un piano superiore, immateriale, che chiamano Lucifero.
“Io ero in contatto con questi  circoli, queste reti. Per me non erano che clienti.  Quindi ho frequentato dei posti chiamati Chiesa di Satana.  Ho visitato questi culti, ma come un visitatore, un invitato,   lasciato da parte … facevano le loro ‘sante messe’ , con donne nude, alcolici… allora  tutto questo semplicemente mi ha divertito, non  credevo a queste cose,   ero ben lontano dal convincermi che fossero reali”.

Erano solo spettacolo, per voi?
“Sì, appunto”, annuisce lui, “Pensavo che il male era dentro a queste persone… non avevo collegato…”  (indica verso l’alto: credo voglia intendere: credevo che questi fossero malvagi in sé, non che  lo traessero dall’immateriale)…”Ero un semplice invitato e mi divertiva vedere tutte quelle donne nude  eccetera,  la bella vita…”.
“Ma a un certo punto sono stato invitato, ed è per questo che vi racconto questo, a partecipare a dei sacrifici… all’estero…”  – e qui Bernard comincia visibilmente a turbarsi, per lunghi momenti non riesce a parlare, ha il groppo in gola- “Questo è stato il punto di rottura….Dei  bambini”.

“”Volevano che…non ho potuto farlo”.

E’ chiaro che deve aver assistito a  fatti “sacrificali” che ancora lo sconvolgono al ricordo.
Vi hanno chiesto di farlo? Domanda l’intervistatrice. “
“Sì, e non ho potuto farlo”.   Ingoia le lacrime, si sforza di non piangere.  Vuole fare una pausa?
“No … Dopo questo, ho cominciato lentamente a crollare   – Vivevo me stesso come un bambino grande e questo mi ha profondamente scosso.  Tutto è cambiato”.
“Ma  è il  mondo in cui mi sono trovato….Ho cominciato a rifiutare incarichi nella mia professione, non potevo  eseguirli …Questo ha fatto di me una minaccia – per loro, ovviamente.  Non riuscivo  più a funzionare in modo ottimale,  vacillavo,  rifiutavo  alcuni compiti…Non avevo partecipato…”.
E poi, come per spiegare  meglio il motivo di “partecipare”:
“Lo scopo è di tenere tutti in pugno. Col ricatto.  Devi poter essere soggetto al ricatto…e  lo  fanno attraverso i bambini.  Questo mi ha sconvolto”.  Le lacrime adesso gli rigano il volto.
Sono metodi che si ritrovano anche in politica, dice l’interlocutrice.
“Troverete su Internet abbastanza testimonianze per capire che non sono   racconti fantastici … Purtroppo, la verità  è che ciò avviene nel mondo intero, e da migliaia di anni … se studiate la teologia  e la Bibbia, trovate riferimenti  a queste pratiche presso gli israeliti…la messa al bando delle dieci tribù è legata a  questi rituali  coi bambini,compresi sacrifici di sangue con i bambini  – Tutto ciò è significativo, e mi ha mostrato che ci sono realtà al di là di ciò che si può vedere. C’è tutto un mondo invisibile. E reale. Parliamo qui di una forza oscura e di una manifestazione della Luce. Ho  studiato teologia per dare un senso a tutto questo”.
Anche psicologia, vero?
“Sì – questa  era  la mia vita di prima: psicologia applicata al business; la psicologia delle masse.  Ero capace di manipolare le situazioni a mio vantaggio”.
L’intervistatrice evoca  il Tavistock Institute,   il controllo mentale , MK-Ultra  (per il Tavistock, rimando almeno ad un mio articolo  fra molti: http://www.maurizioblondet.it/quel-grande-esperimento-contagio-psichico/-  Per l’Italia, sarà utile rileggere questo: http://www.effedieffe.com/index.php?option=com_content&task=view&id=318290&Itemid=100021)
Bernard annuisce con forza: “Sì, esattamente, ma questo fa parte del mio lavoro. Mi ci sono interessato per mia formazione, perché quando fate  transazioni, dovete anche manipolare i media; dovete manipolare molte cose, perché niente può essere lasciato al caso…Tutto è falsato.  Ci si abitua a vedere la gente come un gregge di pecore,  usate qualche cane da pastore per mandarle dove volete voi.  E francamente, vedo che questo continua dappertutto.
La  gente non capisce di essere manipolata  – dice: “Finché ho la mia birra, eccetera.  La gente è  completamente assorbita  in un meccanismo di sopravvivenza – e questo è programmato.  Scoprite com’è facile manipolare le masse in una direzione, quando siete voi a tirare i fili”.
In un’altra parte del lungo video Bernard –  come esempio di cinismo  da psicopatici dell’ambiente che ha frequentato, evoca la speculazione sulla lira  del 1992  da Georges Soros  (Vedi nota).  Alla fine la lira fu  comunque svalutata (del 30%), dovemmo staccarci dall’aggancio al marco,  noi  contribuenti fummo fatti pagare il conto di 60 miliardi  di dollari.
Bernard. “… Uno dei miei colleghi mi ha detto: ti ricordi quel caso con  la lira italiana? Quando abbiamo fatto quel massiccio dumping che ha svalutato la lira ed ha portato una società italiana alla bancarotta? E poi: “Sai che  il proprietario  si è suicidato, e si è lasciato dietro  una famiglia”. E noi abbiamo riso: ah ah ah, tutti insieme.   Perché [in quei salotti alti] noi le persone   le mastichiamo, sono solo  un prodotto,  spazzatura inutile, da sprecare.   La natura, il pianeta, tutto può bruciare, tutto per noi può essere distrutto: sono solo parassiti inutili. Servono solo a farci crescere, a farci raggiungere i nostri obiettivi”.
Attenzione.  Non solo le masse ovine, ma anche molti nostri lettori  informati restano increduli di fronte ad azioni di personaggi come Soros: a che scopo, poniamo, paga e finanzia per inondare l’Europa di immigrati islamici non-integrabili che producono disordine sociale? E perché politici  come la Merkel insistono in questa “soluzione” alla scarsa demografia, palesemente rovinosa?  Perché  gli stati spendono miliardi per  questa “grande sostituzione” dei loro popoli, mentre non spendono per assegni  di maternità  che  consentano alle famiglie di avere tanti figli (che in Russia, per esempio, sta funzionando bene)?   Perché, poniamo, di colpo, come fosse dato un ordine globale, in Europa si legalizzano le “Nozze gay”, si promuove l’eutanasia legale, si insegna il gender anche negli asili, si rendono obbligatori corsi  pro-LGBT anche nelle scuole cristiane? Perché  i grandi banchieri organizzano la miseria e la disoccupazione di massa?
Cosa ci guadagnano?”.  Questa è la domanda da cui nasce, anche in lettori informati sui retroscena del mondo e delle oligarchie,  l’impossibilità a credere cose così enormi;  gli sembra impossibile che i Soros , i Rotschild, Goldman Sachs, Monsanto, questi “Illuminati”, le direzioni dei media,  le eurocrazie facciano questo “in pura perdita”, e persino “contro i loro interessi” fondamentali.  Ciò perché ci si ostina ad si attribuire a questi  gruppi motivazioni ancora  razionali, l’interesse   materiale, l’avidità, la spinta all’arricchirsi – motivi umani, in fondo  comprensibili da noi comuni mortali.

“Odiano l’umanità, la natura…”

Invece qui, Bernard ci  dice: lo fanno per odio puro. In purezza ascetica.  Odio  al genere umano. Odio alla natura (un tempo si diceva: alla creazione).  Li vogliono  entrambi  annichiliti, distrutti, carbonizzati.  Costoro fanno sacrifici umani e distruggono vite  come  offerta gratuita, liturgica, all’Essere cui danno culto: quello che fu chiamato l’Omicida fin dall’Inizio – che vuole distruggere l’uomo perché ne invidia il destino soprannaturale – che si rifiutò di servirlo, che gridò”Non serviam”;  è quello per cui “tutto ciò che esiste merita di morire”.  Poiché  è Principe di questo mondo, essi ne sono ricompensati con poteri preternaturali,  o almeno così intendono i loro successi finanziari, i  loro posti di comando mondiale, il loro potere di disporre la vita e la morte di milioni di “bestie da soma”.
Infatti, più oltre  Ronald aggiunge: “Sono pochi quelli che non sottovalutano la gravità di tutto questo. Perché questa è una forza annientatrice, che odia l’umanità.  Odia la creazione, odia la vita.  E farà di tutto per  distruggerci completamente. E il loro modo per  farlo è dividere l’umanità. Divide et impera  è  la loro verità”.
E  poi: “L’umanità e una manifestazione della luce, cioè la vera creazione. Fintanto che riescono a dividere sui partiti politici, colore della pelle, chi più ne ha più  ne metta, allora , da un punto di vista luciferino, si sopprime la piena capacità del nemico,il suo potere integrale. Non possono far niente da soli; senza  di noi, sarebbero finiti. Quest’avido mostro scomparirebbe”.
(“Lo stupido  è la cavalcatura del diavolo”: l’antico detto medievale è letteralmente verificato).
Poco prima, Bernard evoca i servizi segreti, asserisce che essi partecipano a questo mondo luciferino.  “Una delle cose che ho scoperto …riguarda i servizi.  Si crede che esistano per servire e proteggere una nazione, uno stato … in realtà risultano  organizzazioni criminali  – per meglio dire, il sistema è pesantemente così. Parliamo di finanziare guerre, creare guerre,  fondamentalmente creare una quantità di sofferenza e miseria in questo mondo. Quindi, una quantità di conflitti.  […]  I servizi segreti non si fermano davanti a niente. Niente. Hanno anche i loro propri flussi di denaro, perché commerciano in droga, in armi,  se è per questo anche in esseri umani.  Tutto questo denaro deve andare da qualche parte.  Tutto va finanziato”.
Tutti i servizi?, gli vien  chiesto. E lui:
“Tutti, sì. L’intero mondo che crediamo di conoscere è una illusione   che ci vien fatta credere. E’ qualcosa  che scopri in questo tipo di lavoro [il suo]. E qui tutto mi è andato di traverso”.
“Tutto è finanziato”: primavere arabe, rivoluzioni colorate, il Califfato, il terrorismo,  le strategie della tensione, i delinquenti marginali che “si radicalizzano” di colpo e fanno strage a Parigi o a  Nizza  o a Berlino, assassini solitari… ne abbiamo viste di queste scenografie, in questi anni. Eppure la maggior parte dei media  continua a  diramare i comunicati di Al Qaeda o i video dell’IS  emanati dal SITE di Rita  Katz; e il gran gregge pecorile crede  alle versioni ufficiali.  La creazione di assassini solitari e terroristi islamici, di stati d’animo collettivi a Kiev come in Macedonia,  o al Cairo,  non possono non sembrare al gregge fenomeni “spontanei” – non possono credere che sono atti di magia  –  magia nera,  – capacità  speciali che possono persino sorgere dai poteri preternaturali  che Lucifero dona ai suoi adepti. Il  gregge ormai è progressista, si è liberato degli antichi tabù e delle superate superstizioni, è felicemente  e integralmente secolarizzato…
“C’è tutto un mondo invisibile”, dice Bernard.  E  aggiunge: “Nei miei studi e scoperte ho trovato un documento, che loro dicono che son tutte palle ovviamente. I Protocolli di Sion. Un documento incredibilmente noioso. Raccomando a tutti  di leggerlo, perché se lo studi   e lo capisci, è come leggere il giornale della vita quotidiana. Come da questa loro posizione di potere estremo –  ed estremo è letteralmente divenuto – essi [non finisce il pensiero]… Ma questo è  solo perché la gente non si difende, non si oppone. Non capisce  cosa è la realtà. E siamo stati tutti programmati; se osi dirlo, sei bollato di antisemita. Quindi  sei neutralizzato.  Essi si sforzano … Il negativo, chiamalo Male, luciferiani, satanisti, chiamalo come vuoi, è una entità  reale. Si legge nella Bibbia. E non solo nella Bibbia, ma in così tanti libri” [30:31]

Montini autorizzò l’abolizione delle “difese” soprannaturali

Un’ultima parola  sulla  colpa della gerarchia modernista post-conciliare, che ha abolito tutte le “difese” e “protezioni”  contro  il Maligno inserite nella Messa tradizionale, segnatamente la preghiera  esorcistica  all’Arcangelo Michele in fine della Messa feriale  – voluta da Leone XII dopo una visione in cui aveva visto il Vaticano invaso da demoni. Fu una eliminazione deliberata,di qualcuno che sapeva bene ciò che faceva. Monsignor Annibale Bugnini, cui Paolo VI affidò la segretarie della riforma liturgica,  era un comprovato  massone: esistono lettere di questo “mellifluo monsignore”  indirizzate al Gran Maestro, che furono pubblicate dalla rivista “30 Giorni” nel 1991 a firma del vaticanista  Andrea Tornielli.
Orbene: la “riforma” come stava venendo fuori dalla Commissione (presieduta pro-forma dallo stupidissimo cardinal Lercaro di Bologna) era  tale da lasciare sgomenti, in Vaticano, molti prelati importanti, come il cardinal Antonelli. Il quale scoprì poi – lo scrisse nelle sue memorie – che il 19 aprile 1967 Paolo VI si disse amareggiato, perché si facevano esperimenti capricciosi con la liturgia, e più addolorato ancora verso una desacralizzazione della liturgia”.
Bugnini metteva a tacere i membri della Commissione  dubbiosi con una frase: “Lo vuole il papa”. Poi un altro  testimone (Luis Bouyer, un protestante convertito)  scopre che anche il Papa  “aveva approvato queste deformazioni della liturgia senza esserne soddisfatto”, anzi gli chiese: “Ma perché vi siete impegolati in questa riforma?”. L’altro rispose“Ma perché Bugnini ci assicurò che lei la voleva assolutamente”. Al che Paolo VI: “Ma è mai possibile? Lui mi disse che voi eravate unanimi nell’approvarla…”.
Papa Montini capì di essere stato tradito.  Per punizione, mandò Bugnini ….come nunzio  apostolico a Teheran.  Ma lasciò la Messa mutilata e  priva di  invocazioni angeliche,  come l’aveva ridotta quello.  E  così è ancor oggi.



 Nota sull’assalto alla Lira.
“Soros fece una colossale vendita allo scoperto di lire che non aveva  e che avrebbe comprato dopo la svalutazione  della nostra moneta.  Soros  spalleggiato dai Rotschild ,   che dal 1989 avevano aperto a Milano la Rothschild Italia SpA, il cui direttore, Robert Katz (J), era diventato direttore del Quantum Fund di Soros proprio alla vigilia dell’attacco”, scrissi).  Ma se l’attacco ebbe successo e fece lucrare a  Soros più  di un miliardo di dollari, fu con la complicità dell’allora governatore di Bankitalia – il venerato maestro Carlo Azeglio Ciampi – e di Giuliano Amato, capo del governo. I due  regalarono a Soros   i 48 miliardi di dollari  delle riserve di Bankitalia in quel che i media chiamarono “difesa della lira”, per mantenerne alta la quotazione e l’aggancio al marco (“dovevano entrare nell’euro” quello fu il primo prezzo fatto pagare al gregge  di ovini italiani,  pecore euro-entusiaste”; difesa inutile, dal momento che la  Bundesbank aveva subito detto a Ciampi che non  avrebbe speso un solo marco per partecipare alla “difesa” della lira. Ciampi  doveva subito smettere di svenarci; invece continuò, in una deliberata complicità con questo  mondo luciferino – da cui  stato premiato con  le cariche altissime che sappiamo: capo dello stato, amatissimo padre della patria  eccetera. “
 “Così, quando la lira fu svalutata del 30 % – come i Rothschild e le banche d’affari USA volevano, per poter comprare a prezzi stracciati le imprese dell’IRI – non c’erano più soldi per la difesa della italianità di quelle imprese.  Del resto, la svendita era stata accuratamente preparata da Giuliano Amato che, appena diventato capo del governo, aveva trasformato gli enti statali in società per azioni, in vista delle privatizzazioni, in modo che le oligarchie finanziarie estere potessero controllarle diventandone azioniste, e poi rilevarle per il classico boccone di pane. Il piano era stato probabilmente elaborato nella famosa riunione sul Britannia del giugno ‘92, panfilo della regina d’Inghilterra, su cui era salito Mario Draghi, allora funzionario del Tesoro. I magistrati di Mani Pulite diedero una mano, creando il clima di linciaggio contro Craxi (che si opponeva fieramente alle intrusioni straniere) ed arrestando preventivamente una folla di grand commis di Stato, poi risultati del tutto innocenti, in modo da sguarnire il fronte che si opponeva alle svendite. Così il saccheggio avvenne tra gli applausi degli italiani, ben contenti di vedere Craxi in fuga e la vecchia DC smantellata da Di Pietro.
Jacob Rotschild e David Rockefeller
La cosa fu così sporca che Ciampi (come minimo, se non da complice, si comportò da incompetente) una volta prosciugate le riserve, offrì le sue dimissioni. Gli fu detto di star tranquillo; sarebbe stato premiato con la presidenza della repubblica e santificato per sempre dall’aureola di Venerato Maestro, conferitagli dai grandi giornali, Corriere e soprattutto Repubblica. C’è il sospetto infatti che anche De Benedetti avesse guadagnato dalla speculazione.
Ci fu anche un’inchiesta. Nel ‘96 la Guardia di Finanza indagò se «influenti italiani abbiano operato illegalmente dietro banche e speculatori», ricavando un guadagno accodandosi a Soros nella speculazione contro la lira. Il Mondo del dicembre ’96  scrisse che la «lobby a favore di Soros», secondo gli inquirenti, comprendeva Prodi, Enrico Cuccia (capo di Mediobanca per la Lazard) Guido Rossi, Isidoro Albertini, Luciano Benetton, Carlo Caracciolo.  Naturalmente, le procure insabbiarono. Gli indagati erano tutti padri della patria, venerati maestri, riserve della repubblica”.


Visto su: http://www.maurizioblondet.it/un-culto-lucifero-nellalta-finanza/